Informativa breve sui cookies
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza, questo sito potrebbe usare cookie anche di terze parti. Chi sceglie di proseguire nella navigazione oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie.
Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

  • DSC 0456 resize

     

     Simona Atzori dona il suo 5x1000 a Fondazione Fontana onlus

    FAI COME  LEI!

    Codice fiscale: 92113870288

  • SDC slider 576x244

     

     

  • DSC 0454 resize 

     

     

    Fai come SIMONA ATZORI.

    Dona il tuo 5x1000 a Fondazione Fontana.

    Codice Fiscale: 92113870288

  • collage 3

     

    oltre 4000 Beneficiari dei progetti di cooperazione che  si ispirano ad un approccio comunitario e partecipativo.

     

     

     

     

    Quattro i paesi con i quali lavoriamo: Kenya, Ecuador, Bosnia e Israele

    Leggi l'articolo

COMUNI/CARE_Nr_14 ott 2014

 


COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

"With a different mind". Per dare dignità alla debolezza, alla fragilità, alla vulnerabilità

with a different mind1Nairobi, Kenya. Il Sarakasi Dome, a pochi isolati dal centro città dei grattacieli e degli affari di Nairobi, si è infiammato quando Denno - un cantante cieco molto famoso in Kenya - ha intonato la prima strofa di  Mbona, un suo recente grande successo  - che tutti i giovani conoscono. La musica è trascinante e coinvolge tutti nella domanda "Mbona ? Mbona ? Mbona ?" -"Perché? Perché? Perché?". E' la domanda che una persona che vive con una disabilità rivolge alla società che lo rifiuta, che lo discrimina, che non lo considera con gli stessi parametri di coloro che definiamo "abili".  E' stato il momento culminante del concerto che ha chiuso l'evento "WITH A DIFFERENT MIND" tenutosi il 26 e il 27 settembre a Nairobi, in Kenya. Una conferenza e un grande concerto per un unico grande messaggio: dare dignità alla debolezza, alla fragilità, alla vulnerabilità. Lottare per una società che percepisca le persone più vulnerabili non come un problema ma come una risorsa e renderla consapevole che l'incontro con la debolezza può portare ad una trasformazione per l'individuo e per l'intera comunità. La conferenza ha avuto luogo presso la Main Hall del Tangaza College a Nairobi e ha visto la presenza di quasi 500 persone che per tutta la mattina hanno assistito attente e partecipi alle presentazioni delle esperienze di incontro con la disabilità. "With a different mind", è anche il nome del  network che ha organizzato l'evento di Nairobi. Un network  costituito da organizzazioni non governative, organizzazioni a base comunitaria, istituzioni accademiche e religiose, che svolgono delle attività a favore e in collaborazione con le persone più vulnerabili e che nasce in Kenya,  ispirato da LA PIETRA SCARTATA, l'iniziativa annuale che si svolge a Padova sul tema delle fragilità intese come risorse preziose per l'intera comunità. Guarda le foto su Facebook

 

ME, WE. Only through community. Festival e dintorni

Martin-1024x682Un'estate di festival quella di ME, WE Only through community, il documentario prodotto da Fondazione Fontana con la regia di Marco Zuin e le musiche della Piccola Bottega Baltazar.  Dopo aver ricevuto il Premio Veneto Movie Movement all’Euganea Film Festival 2014,  ME, WE ha partecipato, sempre nel mese di luglio,  al Fiuggi Family Festival  dove si è confrontato con altre 6 produzioni internazionali, tra cui il film inglese Locke con Tom Hardy, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, e la commedia Zoran, il mio nipote scemo con Giuseppe Battiston.  Lo staff del festival si è affezionato agli 11 personaggi del film e in particolare al sorriso contagioso del piccolo Martin, protagonista di una delle storie legate al St. Martin, portate in video dal regista Marco Zuin.

ME, WE sarà in selezione ufficiale al Religion Today Film Festival, il festival internazionale e itinerante di cinema delle religioni per una cultura della pace e del dialogo tra persone, popoli, fedi e culture, in programma a Trento il prossimo 17 ottobre.

nato nel 1997 come primo festival internazionale e itinerante di cinema delle religioni per una cultura della pace e del dialogo tra persone, popoli, fedi e culture. - See more at: http://www.religionfilm.com/it#sthash.qtFyQ0Ds.dpuf

  

  __________________________________________________________________________________________________________________

EDUCAZIONE

 

 COSA SI MANGIA? Sradicare la povertà estrema e la fame. World Social Agenda.

 

immagine wsa 1ob

 "Sradicare la povertà estrema e la fame". E' il primo obiettivo del millennio delle Nazioni Unite, attraverso il quale l'ONU intende dimezzare la povertà estrema e la fame entro il 2015. L'edizione 2014-2015 della World Social Agenda, prenderà spunto proprio dal primo obiettivo per intraprendere una riflessione più ampia sul diritto al cibo. Oggi, 842 milioni di persone soffrono la fame, ma il pianeta produce una quantità di cibo sufficiente per sfamarne due miliardi. Cosa si mangia?,  invita alla riflessione sul fatto che tutte le persone dovrebbero poter rispondere in modo pieno, affermativo; fa prendere in mano la propria riflessione con il cibo e ci mette in relazione con le persone e con la "madre terra". (Tratto dal Dossier di approfondimento, disponbile su www.worldsocialagenda.org). Come ogni anno il percorso World Social Agenda interessa le scuole di Padova e Trento, dove proseguono gli  incontri di informazione e formazione con gli  insegnanti. A Padova la prima data per la  formazione sarà il 17 ottobre con Giampiero della Zuanna dell'Università di Padova. Gli altri appuntamenti per la formazione,che danno inizio alle attività previste  sia a Padova che a Trento,  sono consultabili  sul sito della World Social AgendaSempre sul sito sarà a breve completato il Dossier on line, che ci introdurrà nel tema del diritto al cibo attraverso l'uso di parole quali fame, povertà, autosufficienza, sicurezza, sovranità alimentare. Info:www.worldsocialagenda.org

 

Fondazione Fontana a Senigallia, al seminario di educazione interculturale

Fra labSenigallia (AN) – 5/7 settembre 2014. Seminario nazionale di educazione interculturale. L'ottava edizione di questo appuntamento nazionale, oramai divenuto una tappa importante di confronto e di lancio del nuovo anno scolastico, ha posto la sua attenzione "verso un nuovo umanesimo attraverso la revisione dei curricoli scolastici europei." World Social Agenda, è stata invitata a presentare il percorso educativo svolto nell'A.S. 2014-15 dedicato al secondo obiettivo di sviluppo del millennio "Presente! Assicurare l'istruzione primaria a tutti i bambini e le bambine".
Al seminario, caratterizzato da interessanti sessioni laboratoriali, e luogo di incontro tra scuola e territorio, Sara Bin e Francesca Benciolini di Fondazione Fontana hanno proposto ai partecipanti alcune delle attività svolte nelle scuole primarie e secondarie nell'A.S. 2013-14. La riflessione sul diritto all'istruzione è stata lanciata a partire da due questioni chiave "quali sono gli ingredienti che 'fanno' la scuola?" e "cosa è essenziale perché ci sia la scuola"? Questi interrogativi, tradotti in attività, hanno permesso di evidenziare le vicinanze tra la scuola del qui e la scuola dell'altrove nell'ottica della valorizzazione delle differenze e il valore della relazione come elemento imprescindibile della pratica educativa e scolastica.
In attesa del prossimo appuntamento nel 2015, buon lavoro a tutte le persone che si occupano di scuola per un futuro che sappia costruire progetti e offrire passione educativa.

 

Atlante on line in Università

atlante on lineAtlante on line, portale di informazione geografica e culturale, esito di una collaborazione tra Fondazione Fontana e il MIUR, è stato nello scorso anno accademico tra i banchi dell'Università di Padova. È stato infatti proposto attraverso un modulo dedicato, "Atlante on line della sostenibilità" e dei seminari specifici tenuti da Sara Bin (Fondazione Fontana/Università di Padova) nell'ambito dei corsi di Globalizzazione e Cittadinanza e Fondamenti di didattica della geografia. Atlante on line è stato utilizzato come strumento didattico per una geografia interculturale avente tra le principali finalità la costruzione di un curricolo di cittadinanza globale. I destinatari sono stati circa 130 insegnanti delle classi di insegnamento A043 (italiano, storia ed educazione civica, geografia nella scuola secondaria di I grado), A050 (materie letterarie nella scuola secondaria di II grado) e A039 (geografia nella scuola secondaria di II grado) coinvolti nei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) nell'A.A. 2013-14.
Questo gruppo di insegnanti è andato ad allargare la già vasta rete di docenti che hanno adottato Atlante come strumento di lavoro e di ricerca nell'ambito di un insegnamento fatto per problematiche e attento alle connessioni tra locale e globale. Molte sono state le unità di apprendimento e le tesi di abilitazione elaborate a partire dal portale o che lo hanno utilizzato come contesto di partenza per un progetto didattico particolare. Alcuni degli insegnanti coinvolti nei PAS hanno presentato dei lavori fatti con le loro classi che hanno trovato visibilità all'interno dell'Atlante.
La grande comunità degli insegnanti ha a disposizione uno spazio virtuale, il blog di Atlante on line, accessibile anche e a tutte le persone interessate, attraverso il quale contribuire al mantenimento e miglioramento del portale condividendo conoscenze, esperienze ed idee. Ogni nuovo contributo è il benvenuto!

 ___________________________________________________________________________________________________________________

INFORMAZIONE

Medio Oriente. Export record di armi italiane. Intervista a Giorgio Beretta 

Medio-Oriente-L-Export-record-di-armi-italiane.-Intervista-a-Giorgio-Beretta medium

«Tutti vogliamo la pace, ma guardando a quello che accade vediamo che la radice del male è l'odio e la cupidigia del denaro delle fabbriche e della vendita delle armi». Le parole usate da papa Francesco, davanti ai profughi della Siria, nel recente viaggio in Giordania vanno prese con estrema serietà. Continuando a parlare a braccio, Francesco ha chiesto: «Chi è dietro a tutto questo, chi continua a dare le armi a tutti quelli che sono in conflitto?».Oltre a invocare la pace con la preghiera, papa Francesco ha denunciato la radice del male negli interessi economici delle industrie di armi. Quali passi in concreto andrebbero compiuti per frenare l'escalation in un'area così pericolosa? Su Unimondo, l'intervista a Giorgio Beretta, analista dell'Osservatorio permanente sulle armi leggere (OPAL) di Brescia e collaboratore di Unimondo. A cura di Giustino Di Domenico. Leggi tutta l'intervista su www.unimondo.org 

 

 Vulnerabilità. Da problema a risorsa.

Vulnerabilita-da-problema-a-risorsa mediumSi fa presto a parlare di disabili. Senza accorgersi che si sta parlando di persone normali. Con problemi certo. E anche diversissimi tra loro. Tuttavia, per avvicinarsi a questo universo variegato e pieno di sorprese (anche positive) occorre cambiare mentalità. Unimondo in concomitanza del convegno organizzato in Kenya il  26 settembre proprio su questi temi, ha dedicato  l’intera scorsa  settimana alla disabilità vista in maniera creativa e originale.

Un nuovo approccio alla disabilità può arrivare dall’Africa? Da quel continente che fino a ieri nascondeva chi presentava problemi fisici o mentali, ritenendoli maledizioni della divinità? Eppure l’Africa riserva sempre molte sorprese e anche in questo campo possiamo incontrare esperienze – teoriche ma soprattutto pratiche – che mettono al centro la disabilità, anzi la vulnerabilità come risorsa per tutta la comunità.
Questa è la visione promossa dal Saint Martin CSA, in Kenya, un organismo che da 15 anni affronta le difficoltà delle categorie più vulnerabili con l’approccio comunitario, dedicando un programma specifico al supporto di più di 1000 famiglie di persone con disabilità. Leggi tutto l'articolo su Unimondo

______________________________________________________________________________________________________

PARTECIPAZIONE

Uno sguardo sui prossimi appuntamenti

PADOVA

Ott-Genn

World Social Agenda.  Formazione per insegnanti

Prende il via nel mese di ottobre a Padova la formazione per gli insegnanti che partecipano all'edizione 2014-2015 della World Social Agenda, dedicata quest'anno al primo obiettivo del millennio "Sradicare la povertà estrema e la fame". Queste le date: 17 ottobre, 11 novembre, 10 dicembre, 26 gennaio. Per info dettagliate: www.worldsocialagenda.org

 

TRENTO

17 ottobre   

ME, WE al Religion Today Film Festival

Venerdì 17 ottobre ME, WE sarà presente al Religion Today Film Festival, il festival internazionale e itinerante di cinema delle religioni per una cultura della pace e del dialogo tra persone, popoli, fedi e culture. Info:www.religionfilm.com/it

 

come primo festival internazionale e itinerante di cinema delle religioni per una cultura della pace e del dialogo tra persone, popoli, fedi e culture. - See more at: http://www.religionfilm.com/it#sthash.khn23kSg.dpuf

BREGANZE (VI)

25 ottobre

 

Sabato 25 ottobre presso la Palestra dell'Oratorio "Don Bosco" di Breganze (VI), si terrà una cena della solidarietà organizzata dai gruppi e dalle associazioni del territorio di Breganze. La serata è stata chiamata I COLORI DELLA SPERANZA e l'intero ricavato sarà devoluto a tre progetti di solidarietà, tra i quali il Saint Martin in Kenya.

logo facebook

SDC banner 175x63

scritta NSS

MEWE

5x1000 2

fondazione-fontana-logoword-social-agenda-logoimpresa-solidale-logounimondo-logo