Informativa breve sulla gestione dei dati personali e dei cookie nel rispetto della normativa GDPR
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza, questo sito potrebbe usare cookie anche di terze parti. Chi sceglie di proseguire nella navigazione oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie.
Nel rispetto della normativa GDPR, per saperne di più sulla gestione dei cookie e sull'uso dei dati personali consulta la nostra Cookie Policy.

  • 5x1000 NIENTESTASCRITTO-01

     

  • SDC slider 576x244

     

     

  • collage 3

     

    oltre 4000 Beneficiari dei progetti di cooperazione che  si ispirano ad un approccio comunitario e partecipativo.

     

     

     

     

    Quattro i paesi con i quali lavoriamo: Kenya, Ecuador, Bosnia e Israele

    Leggi l'articolo

Simona in Kenya

996736 10153874443761477 3591934413383200171 n

 

Lo chiamano “Mal d’africa” e a me sembra quasi riduttivo, io che non pensavo esistesse un sentimento simile, e invece ora mi sembra troppo stretto per farci entrare tutte le emozioni che provo per l’Africa, per il Kenya, per i miei amici del Saint Martin, dell’Arche, di Effatha, Betania, Talitha Kum, le bimbe del St. Rose, dei bimbi di strada e di tutte le persone che ci lavorano, per i volontari, per i bimbi, per Don Mariano, Alice, Maurice, tutti gli amici che sarebbero troppi da nominare, i favolosi autisti, la famiglia di Fabio e Ilaria, Don Sandrino, Luca che mi ha accompagnato con la sua allegria e il suo amore per questa terra e questa grande famiglia, la Fondazione Fontana e Pierino che mi hanno dato ancora questa grande opportunità, Don Gabriele che era con me in ogni istante, anche se non presente fisicamente…

Grazie per aver dato la possibilità a Simona di vivere questi giorni in compagnia della vita che pulsa davvero… Ho lasciato la ballerina, la pittrice e la scrittrice a casa e ho portato solo Simona in questo mio viaggio e se all’inizio pensavo di portare una nuova leonessa, ho subito compreso che dovevo solo portare un cuore aperto: la parte piena di energia, di amore, di speranze, di forza e di coraggio, ma anche quella parte ferita, piena di cicatrici, quella malinconica e ancora sanguinante… dovevo solo portare me stessa, e lasciare la paura a casa.
Io sola davanti alla terra che più al mondo mi permette di sentirmi viva fino alla parte più profonda di me… Io e la vita… Io e me stessa… Io e un anello della catena che sono riuscita ad allacciare a quell’anello del passato che faceva tanto male, che sembrava rotto e che non avrebbe potuto reggere nessun anello successivo… ora che l’anello è stato messo e che regge benissimo… sono pronta a riunire Simona elle sue arti, e ad andare avanti… l’Africa mi chiede di donarmi ancora a chi, come tutti noi, ogni tanto fa fatica a credere in questo grande dono, chiamato vita…
ed eccomi... sono tornata…

1917924 10153883977331477 4676905503194845634 n10338889 10153874444686477 6100908250162610604 n11237929 10153874443786477 383834893782743124 n

logo facebook

5x1000 2

fondazione-fontana-logoword-social-agenda-logoimpresa-solidale-logounimondo-logo